Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Napoli, in libertà vigilata ma pusher a domicilio: arrestato


Napoli, in libertà vigilata ma pusher a domicilio: arrestato
24/10/2011, 10:10

Tre dosi di “cocaina”, altrettante di “eroina” e la somma di €. 1.155,00, suddivisa in banconote di vario taglio, sono bastate, agli agenti del Commissariato di P.S. “Frattamaggiore”, per stringere le manette ai polsi di S.L., di 35 anni, libero vigilato con obbligo di firma, che vanta a suo carico pregiudizi di Polizia per spaccio di stupefacenti. Il libero vigilato, contattato telefonicamente dai suoi acquirenti, consegnava a domicilio la droga richiesta. I poliziotti, a seguito di un’articolata attività d’indagine, hanno intercettato l’uomo, che a bordo di un’autovettura Smart For Two, stazionava nei pressi di un ristorante in Casandrino (NA). Di lì a poco, si è avvicinato all’autovettura un individuo che, dopo aver scambiato poche parole con il libero vigilato, stava consegnandogli una banconota da € 20,00, in cambio di qualcosa. Ancor prima che avvenisse lo scambio, abilmente, i poliziotti hanno bloccato i due, sorprendendo lo spacciatore che stringeva in una mano una dose di cocaina. S.L. è stato trovato in possesso, inoltre, di altre 5 dosi di droga, nascoste all’interno di uno dei calzini indossati e negli slip, nonché della somma di €.1155,00, custodita nel portafoglio insieme alla carta precettiva della misura di sicurezza alla quale è sottoposto. S.L. è stato arrestato, perché responsabile dei reati di spaccio di sostanza stupefacente ed evasione, essendo stato sorpreso in un Comune diverso dalla sua residenza. Inoltre, è stato denunciato, in stato di libertà, per guida senza patente, in quanto revocatagli all’atto della sottoposizione alla misura. L’autovettura sulla quale viaggiava è stata sottoposta a fermo amministrativo, per la durata di 3 mesi. Il telefono cellulare, utilizzato per ricevere gli ordinativi di droga, è stato sequestrato. L’acquirente è stato segnalato alla competente A.G. ed il libero vigilato è stato condotto al carcere di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©