Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Napoli. Ordine di carcerazione per due affiliati al clan Licciardi


Napoli. Ordine di carcerazione per due affiliati al clan Licciardi
23/09/2011, 11:09

Nell’aprile del 2010 si erano presentati come emissari di un noto clan di Secondigliano presso un cantiere edile chiedendo la somma di Euro 500,00 per il proseguimento dei lavori di ristrutturazione. Alla richiesta estorsiva, avvenuta il 21 aprile, Iourano Esselen, di 47 anni, venne immediatamente arrestato dagli agenti della Squadra Mobile mentre il complice Giuseppe Pellegrino, di 29 anni, fu rintracciato il giorno dopo essendo riuscendo a fuggire a bordo di un’auto. In relazione all’episodio intimidatorio, ieri pomeriggio gli agenti della Squadra Mobile hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della D.D.A. Pellegrino è stato rintracciato dai poliziotti nei pressi della propria abitazione mentre ad Esselen il provvedimento è stato notificato in carcere dove è detenuto dal 21 aprile 2010. Entrambi dovranno rispondere di associazione per delinquere di tipo mafioso, ritenuti vicini al clan Licciardi di Secondigliano. Pellegrino, registra precedenti per associazione di tipo mafioso e rapina mentre Esselen ha precedenti per associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, rapina ed armi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©