Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Napoli, ordine di carcerazione per rapinatore di rolex nei garage del centro


Napoli, ordine di carcerazione per rapinatore di rolex nei garage del centro
20/10/2011, 16:10

Gli agenti della Squadra Mobile sez. Antirapina hanno arrestato Salvatore Perez, 22enne, in quanto destinatario di un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale per il reato di rapina aggravata,porto illegale di arma spari in luogo pubblico, attualmente detenuto per un’altra rapina. Le indagini svolte dagli agenti della Squadra Mobile hanno consentito di ricostruire e chiarire le responsabilità di Perez, rapinatore di rolex. Lo scorso otto maggio, intorno alle 23, Perez armato di pistola semiautomatica, faceva irruzione all’interno di una garage ubicato in via Nazario Sauro. Dopo aver esploso un colpo di arma da fuoco all’interno di una BMW mandando in frantumi il vetro del finestrino, colpendo il cruscotto dell’auto all’altezza del contachilometri, si faceva consegnare dagli occupanti del veicolo, entrambi imprenditori, in città per lavoro, un orologio marca Rolex. Subito dopo si allontanava a bordo di uno scooter condotto da un complice che lo attendeva poco distante. Le indagini immediatamente svolte sostenute dalle descrizioni fisico somatiche del rapinatore e dal modus operandi, hanno consentito di identificare il rapinatore che fu denunciato in stato di irreperibilità ma fermato, dopo qualche giorno, per un’altra rapina di rolex, fatta sempre nei pressi di garage cittadino . Si precisa che Perez dopo qualche giorno, 11 maggio, mise a segno un’altra rapina ai danni di un imprenditore di Cuneo. Questi mentre stava per parcheggiare all’interno di un garage di un albergo del Corso Vittorio Emanuele, veniva avvicinato da un giovane che dopo aver infranto il finestrino dell’auto con il calcio della pistola, si appropriava del prezioso orologio che la vittima aveva al polso. In quella circostanza, Perez fu arrestato dagli agenti della squadra mobile nei pressi dell’abitazione di vico Zuroli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©