Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Previsto un percorso di sostegno per le donne maltrattate

Napoli, presentato il primo 'sportello antistupro' al San Paolo


.

Napoli, presentato il primo 'sportello antistupro' al San Paolo
06/03/2009, 18:03

E’ stato presentato questa mattina a Napoli, presso l’ospedale San Paolo di Fuorigrotta, lo sportello di ascolto anti-violenza, creato per assistere tutte le donne vittime di maltrattamenti fisici e psicologici e fornire loro un punto di riferimento che fino ad ora mancava.

Lo sportello, il primo all’interno di un ospedale, ubicato presso il pronto soccorso, è immediatamente operativo e si avvale di personale dedicato ed altamente specializzato, formato nell’unità operativa di Psicologia Clinica del distretto sanitario 46 (Soccavo-Pianura) che, già dal 2002, ha organizzato al suo interno un centro clinico per la diagnosi del maltrattamento nelle patologie ad alto impatto sulla popolazione femminile. L’iniziativa è stata posta in essere per garantire alle donne che subiscono violenza di qualsiasi genere un pronto intervento di carattere psicologico (da affiancare ovviamente a quello fisico), costruendo insieme un percorso di accompagnamento che conduca, se necessario, alla denuncia.

Inutile dirlo, la privacy della paziente è uno degli obiettivi primari. Soddisfazione è stata espressa dal direttore sanitario Maurizio Di Mauro (ex San Giovanni Bosco, da poche settimane al timone del San Paolo), che ha sottolineato come questo sia uno dei passi necessari per riguadagnare la fiducia del cittadino e portarlo a riconsiderare l’ospedale sotto il ruolo di ‘amico’ del cittadino e punto di riferimento per qualsiasi necessità legata alla salute.

L’ospedale San Paolo ha negli anni mostrato una certa attenzione nei confronti delle donne anche con altre iniziative. Presidio ‘di frontiera’ e con un bacino di utenza di oltre 400mila persona (tra i quartieri di Bagnoli, Fuorigrotta, Soccavo e Pianura e le zone di Agnano e Cavalleggeri), è già il punto di riferimento per la ginecologia con il centro per la ‘menopausa assistita’ del dottor Giuseppe Tomasillo grazie al quale, tramite un percorso assistenziale, si effettua una prevenzione e diagnosi dello stato di salute della seconda e terza età, con una terapia personalizzata, accompagnata da consulenza psicologica, dietetica, estetica, nutrizionale, fisioterapica e con accostamento di terapie naturali.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©