Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

NAPOLI, PRESENTE ANCHE IL PRINCIPE EMANUELE FILIBERTO ALLE CELEBRAZIONI PER SAN GENNARO


NAPOLI, PRESENTE ANCHE IL PRINCIPE EMANUELE FILIBERTO ALLE CELEBRAZIONI PER SAN GENNARO
19/09/2008, 16:09

Centinaia di fedeli, stamani, hanno gremito la Cattedrale di Napoli per assistere al rinnovarsi della miracolosa liquefazione del sangue di San Gennaro, il patrono della città. Un’esortazione affinché il governo del capoluogo campano sia edificato “sulla base delle esigenze che ogni persona reclama: il lavoro, i servizi, la tutela della salute, la crescita culturale e civile”, è stata indirizzata dal cardinale Crescenzio Sepe ai responsabili delle istituzioni locali presenti alla celebrazione liturgica - Bassolino, Iervolino, Di Palma. Sepe ha inoltre auspicato che a Napoli possa instaurarsi un clima di “giustizia sociale” che bandisca i privilegi, “con un’unica eccezione: mettere i poveri al primo posto e declinare a loro favore tutti i verbi che nel vocabolario della solidarietà cristiana”.  Nel suo discorso l’Arcivescovo di Napoli ha rinnovato l’appello a “rispondere con fede e carità cristiana ai tanti bisogni spirituali e umani della nostra gente”, per porre rimedio alle tante piaghe che affliggono la società partenopea - povertà, solitudine e abbandono degli anziani, disagio giovanile - inviando un messaggio di solidarietà in particolare alle vittime della camorra e della delinquenza organizzata che purtroppo negli ultimi tempi ha trovato nel capoluogo campano un “terreno fertile per impiantare e coltivare illegalità, soprusi, violenze e morte”. Tra i credenti accorsi ad assistere al miracolo di San Gennaro, anche il principe Emanuele Filiberto di Savoia, assiduo frequentatore di Napoli, il quale si è mostrato ottimista sul futuro della città: “Napoli oggi è pulita, il Napoli Calcio ieri sera ha vinto contro il Benfica in Coppa Uefa, e stamattina si è rinnovato il miracolo di San Gennaro” – ha commentato il figlio di Vittorio Emanuele.
 

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©