Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In azione 50 disoccupati, paura per i passeggeri

Napoli: raid vandalico in centro, distrutti 4 bus


Napoli: raid vandalico in centro, distrutti 4 bus
29/04/2010, 20:04

NAPOLI – Hanno preso d’assalto un autobus ed hanno spaccato i vetri  utilizzando marteletti e punte di trapano. E’ successo a Napoli nel tardo pomeriggio di oggi tra via Foria e via Cesare Rosaroll. In azione almeno cinquanta disoccupati. Momenti di panico e di paura per i passeggeri dell’autobus preso di mira dal gruppo dei senza lavoro.  L’autista ha fatto scendere i passeggeri, mentre i disoccupati continuavano a distruggere l’autobus. Fortunatamente non ci sono stati feriti, ma  sarebbero almeno quattro i mezzi dell’azienda di trasporto urbano  distrutti dai disoccupati. Sulla questione è intervenuto Antonio Simeone, il presidente dell’azienda napoletana mobilità (Anm) che ha dichiarato: “Sono atti che condanniamo. Ci costituiremo parte civile nei confronti di tutti coloro che saranno ritenuti responsabili”. I senza lavoro hanno bucato le ruote e spaccato i vetri dei finestrini mentre i passeggeri erano a bordo. “Sono atti che condanniamo perché sono contro i dipendenti, contro i cittadini e, soprattutto, contro un bene pubblico come il servizio di trasporto - sottolinea Simeone - continueremo a lavorare con le forze dell’ordine come stiamo facendo già da tempo. Anche se, forse, è necessario fare di più”.
Intanto ad Acerra, in provincia di Napoli un altro gruppo di disoccupati sta occupando in queste ore la stazione delle ferrovie dello Stato in segno di protesta contro la mancata erogazione dei finanziamenti per i corsi di formazione professionale. I manifestanti hanno poi rovesciato i cassonetti di rifiuti in strada, creando non pochi disagi alla circolazione strdale. “Se non si forma la Giunta regionale - dicono alcuni manifestanti - lo Stato non erogherà i fondi. Quindi chiediamo una accelerazione per garantire a noi disoccupati di poter andare avanti”.

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©