Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, rapina con complice un costoso I-phone

Pregiudicato intercetta ed arrestato dai falchi

Napoli, rapina con complice un costoso I-phone
15/11/2013, 13:15

NAPOLI - Un costoso I-Phone di ultima generazione, del valore commerciale di circa €.750,00, nella serata di ieri, è stato rapinato ad un giovane 21enne in Corso Arnaldo Lucci.
Grazie al tempismo della Sala operativa della Questura, che ha diramato alle pattuglie in zona, la nota di rintraccio dei due responsabili della rapina, gli agenti della sezione Falchi della VI sezione della Squadra Mobile, sono riusciti ad identificare ed arrestare uno dei due rapinatori, oltre a recuperare e restituire alla vittima quanto sottrattogli.
La giovane vittima, dopo esser stata seguita in un parco condominiale, è stata avvicinata da due individui che, dicendo d’essere armati, minacciandolo, gli hanno sottratto un I-Phone 5.
L’immediato intervento dei poliziotti, che avevano acquisito dalla vittima le descrizioni somatiche dei due, oltre all’abbigliamento indossato, ha consentito di intercettarli in Vico Gabella alla Farina.
I due, accortisi della presenza dei Falchi, hanno imboccato strade diverse.
Il più giovane dei due rapinatori, Antonio Caruso, pregiudicato 25enne di S. Giorgio a Cremano (NA), al fine di eludere il controllo, si è introdotto in un esercizio commerciale nascondendo, sotto il bancone da salumiere, l’I-Phone 5.
I poliziotti, avendo notato la scena dall’esterno, sono entrati nel negozio recuperando l’I-Phone e chiedendo a Caruso di sbloccare la tastiera, visto che era inserito un codice blocco.
Non sapendo fornire neanche l’utenza telefonica dell’I-Phone in suo possesso, è stato palese, a quel punto, che il telefono non apparteneva a lui, così come diceva.
Mostrato alla vittima l’I-Phone, grazie ad una particolare cover che lo rendeva unico, lo riconosceva come quello che gli era stato rapinato poco prima, inoltre, in virtù della nuova tecnologia di sicurezza, al fine di sbloccarne le funzioni, era stata registrata la sua impronta digitale, oltre ad un codice numerico.
Caruso è stato riconosciuto, senza ombra di dubbio, quale uno dei due partecipanti alla rapina.
I Falchi hanno arrestato il 25enne, conducendolo al carcere di Poggioreale.
Ore contate per il complice, riconosciuto dai poliziotti ed attivamente ricercato. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©