Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

NAPOLI, REAZIONI AL SUICIDIO DELL'EX ASSESSORE NUGNES


NAPOLI, REAZIONI AL SUICIDIO DELL'EX ASSESSORE NUGNES
29/11/2008, 14:11

Il sindaco di Napoli, Rosa Iervolino, ha appreso piangendo la notizia del suicidio dell'ex assessore comunale Giorgio Nugnes mentre era impegnata nell'inaugurazione di due edifici scolastici. L'ex assessore comunale, esponente del Pd, era stato sospeso dal partito in seguito al coinvolgimento nell'inchiesta. La misura del divieto di dimora nei suoi confronti era stata di recente attenuata dai magistrati della Dda: Nugnes aveva il permesso di recarsi nella sua abitazione di via Grottole il lunedì, il mercoledì e il venerdì. Negli altri giorni risiedeva in una dimora di Quarto, in provincia di Napoli. Una folla di giornalisti, fotografi e cittadini si è radunata in via Grottole, nel quartiere Pianura, dove l'ex assessore comunale Giorgio Nugnes si è tolto la vita. Il decesso è avvenuto in casa: Nugnes è stato soccorso ed è stata chiamata anche un'ambulanza del 118, nel tentativo di rianimarlo, ma quando sono giunti i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Si attende l'arrivo del magistrato. La polizia municipale ha bloccato l'accesso delle auto nella piccola strada di Pianura.  Il sindaco Iervolino, che sembrava volersi subito recare sul posto, ha invece deciso di attendere qualche ora, per motivi di opportunità e per poter sentire prima la moglie dell'ex assessore. Momenti di forte tensione si stanno registrando in via Grottole, nel quartiere Pianura, sotto l'abitazione di Nugnes: un gruppo di persone - cittadini e amici dell'assessore - ha inveito contro cronisti e fotografi ("siete peggio delle iene") spintonando con violenza quelli più vicini all'ingresso dello stabile. Urla sono state rivolte anche contro le istituzioni.   Per riportare la calma sono intervenuti i carabinieri, che presidiano la zona.  L'8 ottobre scorso un gruppo di circa 500 persone si era radunata a Pianura in segno di solidarietà con Nugnes e con un altro politico coinvolto nell'inchiesta sulla protesta anti-discarica, il consigliere comunale Marco Nonno, tuttora agli arresti domiciliari. "'E' incredibile, ci siamo visti  fino alla settimana scorsa e Giorgio era tornato grintoso e  combattivo": a parlare è un vecchio amico dell' ex assessore Giorgio Nugnes, suo compagno di partito prima nel  Ppi e poi nel Pd, che chiede di non essere menzionato.    "Sembrava - aggiunge - che le vicende giudiziarie stessero mettendosi  bene - aggiunge l' amico - e lui aveva ripreso coraggio. Non  capisco che cosa può essere successo."

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©