Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, ricoverato aggredisce infermieri: arrestato


Napoli, ricoverato aggredisce infermieri: arrestato
04/04/2011, 16:04

Ieri sera, gli agenti del Commissariato di Polizia “Arenella”, hanno arrestato un 39enne di Casoria, per minacce, resistenza, lesioni, violenza a pubblico ufficiale ed interruzione di pubblico servizio. Il fatto è avvenuto verso le 22.30 presso il Reparto di Chirurgia d’Urgenza dell’Ospedale Cardarelli.

I poliziotti erano giunti sul posto in quanto un’infermiera era stata aggredita per futili motivi da un degente. L’uomo le aveva procurato delle lesioni non gravi ma aveva anche aggredito due sue colleghe che avevano provato a difenderla.

A questo punto i poliziotti del Commissariato, insieme al collega del Posto di Polizia presso l’Ospedale Cardarelli, si sono quindi recati presso la stanza dove Muto era stato ricoverato.

All’ingresso dei poliziotti nella stanza, l’uomo, in evidentissimo stato di agitazione e di ebbrezza alcolica si è dichiarato colpevole dell’aggressione alle tre infermiere e ha chiesto di essere subito arrestato. Resisi conto dello stato confusionale del soggetto, gli agenti hanno cercato di calmarlo ma lui, per tutta risposta, è uscito dalla stanza urlando ed imprecando contro chiunque incontrasse. Al momento di bloccarlo per riportarlo alla ragione, ma l'uomo ha reagito con violenza scatenando una colluttazione.

In breve gli agenti hanno avuto ragione di lui e lo hanno arrestato. Uno dei poliziotti ha riportato una contusione ad un dito della mano sinistra ed è stato giudicato guaribile in sei giorni. Un altro, a causa di una testata, ha invece riportato un trauma cranico facciale con una ferita lacero contusa del labbro superiore ed è stato giudicato guaribile in otto giorni.

Questa mattina il 39enne è stato processato con rito direttissimo. Il Giudice lo ha condannato a 6 mesi di reclusione con sospensione della pena. Dopo la lettura della sentenza il 39enne è stato rimesso in libertà.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©