Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Botti illegali erano conservati in un esercizio commerciale

Napoli, sequestrate 4,5 tonnellate di fuochi d'artificio


Napoli, sequestrate 4,5 tonnellate di fuochi d'artificio
04/12/2009, 20:12

NAPOLI - Tempo di festività natalizie, tempo di mercato dei fuochi artificiali per la città di Napoli.
Un mercato nero che produce tonnellate di botti ogni settimana, molti dei quali abusivi e pericolosi.
Stavolta dal "produttore" al consumatore c'ha messo lo zampino la Guardia di Finanza. Le fiamme gialle hanno sequestrato a Napoli oltre 4,5 tonnellate di materiale pirotecnico. La merce era conservata in un deposito attiguo ad un´attività commerciale. La Guardia di Finanza partenopea aveva avviato le indagini già dal mese di novembre per prevenire la costituzione di depositi illegali di materiali esplodenti, oltre che per controllare le rivendite autorizzate. L´obiettivo è di
Così le forze dell'ordine hanno teso la trappola ai produttori illegali, pedinando ogni passo e tenendo sotto controllo il via vai di furgoncini carichi di polvere da sparo che raggiungevano l'attività commerciale. Nel blitz, i finanzieri hanno sequestrato decine di scatoloni contenenti oltre quattro tonnellate e mezzo di fuochi d´artificio illegalmente conservati. Il padrone dell'esercizio, che teneva i fuochi in posti pericolosi per poi smerciarli nella settimana festiva, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Napoli per i reati di illecita detenzione di materiale esplodente.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©