Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

De Magistris fa arrabbiare Cirino Pomicino

Napoli: si pensa a revoca della concessione per Tangenziale


Napoli: si pensa a revoca della concessione per Tangenziale
20/08/2018, 20:40

NAPOLI - Oramai è psicosi in tutta Italia relativamente alle infrastrutture fatiscenti e senza la giusta manutenzione, figlie del nepotismo politico della prima Repubblica e non solo. A seguito deigli accadimenti tragici di Genova anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris sta pensando ad una "revoca, o almeno ad una drastica revsione" delle concessioni per la Tangenziale di Napoli e non solo che il primo cittadino partenopeo giudica "vergognose". In un lungo post su Facebook, il sindaco di Napoli, chiede la “revoca o drastica revisione concessioni di litorali, autostrade (Tangenziale di Napoli compresa, unica a pedaggio in Italia) e di beni comuni”. Per poter realizzare questo De Magistris individua nelle spese militari che il governo si accinge ad aumentare il canale di finanziamento logico per la cura ed il monitoraggio dei beni pubblici, soprattutto quelli maggiormnente esposti a possibili disagi. Le parole del sindaco De Magistris hanno urtato e non poco il presidente della Tangenziale di Napoli Paolo Cirino Pomicino, politico di lungo corso, ex ministro di quella prima Repubblica di cui si parlava prima. Ad un quotidiano Pomicino ha sottolienato  che le parole del sindaco di Napoli sono “Parole in libertà che non meriterebbero neanche di essere commentate. Non finisco mai di stupirmi – dice ancora Pomicino – Non sapevo che i sindaci avessero anche questi poteri”. Intanto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ha preso la palla al balzo chiedendo l’immediato controllo dei ponti della Tangenziale di Napoli.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©