Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Segnalato incidente frontale in via Acton

Napoli: strade allagate e tombini saltati per il maltempo


.

Napoli: strade allagate e tombini saltati per il maltempo
08/11/2009, 17:11

NAPOLI - Quando si dice perdersi in un bicchier d'acqua. A Napoli, quando piove intensamente per più di qualche ora, il traffico in tilt è praticamente un fastidiosa "tradizione". Strade allagate ed auto che sembrano grandi tavole da surf. Non mancano, come intuibile, gli scontri stradali. Questa mattina, infatti, un incidente frontale ha coinvolto due autovetture che viaggiavano sulla corsia preferenziale.
Una honda civic guidata da un giovane ammiraglio inglese ha perso aderenza proproo davanti alla stazione marittima e si è inesorabilmente scontrata con una panda (che ospitava tre passeggeri a bordo) che proveniva dall'opposto senso di marcia. I feriti sono proprio i tre occupanti dell'auto fiat; in pratica un'intera famiglia composta dai due coniugi e una bimba. Per la madre e la piccola le condizioni non sono gravi e, per il papà, si attendono ulteriori notizie dagli accertamenti clinici. Anche per lui, da quanto fanno sapere dal comando della polizia municipale, non ci sarebbe nulla di preoccupante da temere.
I volontari della protezione civile della Campania si sono invece dati da fare per liberare dall'allagamento gli scavi di Monte di Procida. Fortunatamente, l'enorme mole di acqua non ha portato danni. Per prevenire nuovi allagamenti nei prossimi giorni, anche perchè si prevedono piogge intense almeno fino martedì, sono state installate nella zona degli scavi due elettropompe idrovore da 1400 litri al secondo.
In ultimo si segnalano i disagi (anche in questo caso "tradizionalmente" legati alle forti precipitazioni) che stanno vivendo gli abitanti di Portici: allagata la sede stradale di via Cardano e diversi tombini saltati lungo la zuppa (d'acqua) via Zuppetta. Appare graziata solo la città di Ercolano: alcuni detriti per le strade ma nessun disagio particolare per la viabilità urbana.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©