Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, Stragi di Palme: muore un altro simbolo della città


Napoli, Stragi di Palme: muore un altro simbolo della città
24/01/2011, 10:01

E’ ormai morto un altro simbolo di Napoli rappresentato da una palma ultra centenaria che da sempre ha svettato sulla collina di Posillipo. Un colpo al cuore per tanti napoletani e residenti, ma l’ennesima dimostrazione che questa amministrazione non è mai stata in grado di mettere in campo una strategia per evitare la morte di quelle palme secolari che da sempre sono appartenute al panorama della città più bella del mondo. E’ quanto affermano Carmine Attanasio, Amato Lamberti e Antonio Marfella dell’Osservatorio ambientale di IDV Napoli che chiedono interventi immediati per le restanti palme secolari che possono ancora essere salvate. Che sarà della caratteristica piazza Sannazaro se non si combatte subito il punteruolo rosso che ha attaccato anche quelle piante secolari in quel luogo situate? Perché nell’Orto botanico di Napoli, con opportuni trattamenti sono riusciti a salvare il 98% delle palme lì presenti? Perché le palme non vengono potate con l’asportazione puntuale dei rami secchi che quasi sempre restano sul tronco diventando humus per ogni tipo d’insetto? E’ quanto si chiedono Attanasio, Lamberti e Marfella che, pur riconoscendo la devastante e geograficamente ampia azione del punteruolo rosso, si dicono convinti dell’esistenza di alcuni validi metodi che hanno prodotto buoni risultati nella lotta contro questi insetti. Rivolgono quindi un appello al Sindaco Rosa Russo Iervolino affinché si costituisca una vera e propria task force a tutela del patrimonio arboreo di questa città che è costituito non solo dalle palme ma anche dai pini secolari della collina di Posillipo anch’essi attaccati da parassiti e per questo abbattuti in gran quantità.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©