Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli, sventata rapina a uno srilanchese: quattro arresti


Napoli, sventata rapina a uno srilanchese: quattro arresti
31/01/2011, 12:01

Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, hanno denunciato tre giovani italiani in stato di libertà ed un cittadino srilanchese in stato di irreperibilità, per una rapina in concorso avvenuta sabato pomeriggio ai danni di un altro srilanchese.

La vittima, pochi istanti prima dell’arrivo degli agenti, era stato avvicinato dal connazionale fiancheggiato da 3 ragazzi italiani. Avendolo riconosciuto ed essendo a conoscenza del fatto che quest’ultimo, sempre fiancheggiato da ragazzi italiani, rapina connazionali irregolari e clandestini, ha subito cercato di allontanarsi.

Il tentativo è stato vano in quanto è stato accerchiato dai giovani italiani ed afferrato per il braccio dal connazionale che ha quindi cercato di trascinarlo all’interno della Galleria Principe di Napoli. Il vano tentativo di liberarsi dalla morsa, ha portato il rapinatore ad estrarre un coltello e colpirlo al braccio sinistro mentre gli altri lo tenevano fermo. L’uomo ha poi con estrema violenza infilato la mano nella tasca del giubbotto della vittima e si è impossessato di 400 euro.

Il provvidenziale passaggio dei poliziotti ha però posto fine alle violenze. I rapinatori si sono allontanati e la vittima, un 27enne srilanchese domiciliato a Napoli, con il braccio vistosamente sanguinante, si è precipitosamente avvicinato agli agenti. Nonostante lo shock, la vittima è riuscita ad indicare i tre ragazzi italiani che lo avevano appena rapinato in quanto ancora presenti in zona. I poliziotti li hanno quindi raggiunti e fermati. Si tratta di due maggiorenni con precedenti di polizia ed un 17enne incensurato.

Il rapinato è stato poi raggiunto dai poliziotti presso l’Ospedale San Gennaro dove era stato condotto per farsi medicare la ferita al polso sinistro procuratagli dal connazionale e per la quale è stato giudicato guaribile in 7 giorni. Ripresosi dallo shock ha quindi descritto il rapinatore di cui conosceva però soltanto il nome. Ai poliziotti ha poi riferito che quest’ultimo solitamente profitta del timore di sporgere denuncia dei connazionali irregolari per rapinarli con l’aiuto dei ragazzi italiani. Una breve indagine ha quindi portato gli agenti a rintracciare il domicilio dell’uomo e a completare la sua identificazione. Si trattava realmente di un 33enne srilanchese. Poco dopo si sono quindi recati presso il suo domicilio di Via Gianbattista Alfano. Presso l’appartamento hanno trovato solo la moglie che non ha saputo indicare ove fosse il marito. La donna ha però indicato i luoghi da lui abitualmente frequentati.

Al momento l’uomo non è stato ancora rintracciato ma grazie all’identificazione è stato denunciato come lo sono stati anche i tre ragazzi fermati ed identificati dai poliziotti a rapina appena avvenuta.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©