Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Napoli: tassi al 120%, preso usuraio


Napoli: tassi al 120%, preso usuraio
24/10/2009, 13:10


Gli agenti del Commissariato di Polizia San Paolo hanno arrestato Massimo De Martino, 44enne, per i reati di estorsione, usura e detenzione di pistola.
L’arresto s’ inserisce nell’ambito di un’attività in cui la vittima si rivolgeva alla Polizia per chiedere aiuto per uscire dalla morsa dell’usura di cui era rimasto coivolto. La vittima, un piccolo artigiano con attività di restauratore di mobili con un esercizio commerciale nella zona di Fuorigrotta, a causa di problemi economici, si era rivolto al De Martino con il quale effettuava degli scambi di assegni bancari. La vittima, in pratica, gli consegnava dei titoli bancari a scadere, ricevendo dal De Martino denaro liquido a cui questi applicava tassi di usura del 10 mensili fino al 120 annuali. Nel corso del tempo, a causa delle difficoltà economiche della vittima, il debito cresceva in maniera esponenziale tale da vedersi costretto, alla scadenza di ogni assegno, a consegnare un nuovo assegno con scadenza successiva, ovviamente ricalcolando gli interessi applicati. Tra i “clienti” del De Martino, figura anche un commercialista del Vomero, amico dell’artigiano. Anche lui denuncia tutto alla polizia. Il commercialista, a fronte di debiti contratti, stipula con De Martino un compromesso di vendita di una casa di sua proprietà, che andava a sostituire tutti gli assegni come garanzia dei debiti. Per accordo tra le parti, il ricavato della vendita avrebbe dovrebbe coprire anche i debiti dell’artigiano. Nel tempo, tra la fine del 2007 e il 2009, il debito dell’artigiano e del Commercialista si aggira a circa 200 mila euro, debito che andava estinto con la vendita della casa vicina all’ estorsore. La sconcertante vicenda si conclude con l’intervento della Polizia che ha arrestato in flagranza De Martino che avanzava ulteriore richieste di denaro, minacciando le vittime prima con il telefono e poi di persona all’interno della bottega dell’artigiano. I poliziotti, nascosti nel retrobottega, bloccano l’estorsore di fronte all’ennesima minaccia di morte. A casa di De Martino, la polizia sequestra una pistola cartucce e diversi assegni. Proseguono le indagini della polizia per identificare altre persone coinvolte nella vicenda.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©