Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Giuseppe Cimmino, 29 anni, si è costituito ai carabinieri

Napoli, uccide convivente della madre: "La trattava male"

Il delitto in uno stabile in via Amerigo Vespucci

Napoli, uccide convivente della madre: 'La trattava male'
24/12/2011, 11:12

NAPOLI - Non sopportava piu' l'uomo che trattava male la madre, cosi', quando si e' scatenata l'ennesima lite, non ha esitato ad impugnare una pistola e sparare. Poi, Giuseppe Cimmino, 29 anni, e' uscito di casa e si e' presentato ai carabinieri della stazione di Borgo Loreto a Napoli. "Ho appena ucciso il convivente di mia madre", ha raccontato, consegnando ai militari l'arma del delitto, una calibro 9. Come ricostruito dagli investigatori, Salvatore Irissutto, 52enne, e' stato freddato intorno alle 14 da un unico colpo esploso dalla pistola che lo ha raggiunto alla testa. Teatro della tragedia il laboratorio di pelletteria, anche abitazione della coppia, situato all'ottavo piano del civico 8 di via Amerigo Vespucci.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©