Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Tentò di uccidere anche l'ex compagna

Napoli, uccide la compagna con un'accetta dopo una lite


Napoli, uccide la compagna con un'accetta dopo una lite
23/07/2009, 13:07

E' avvenuto in un'abitazione di via Camillo Guerra, nel quartiere napoletano dei Camaldoli: una donna è stata uccisa a colpi di accetta dal proprio compagno, al culmine di una violenta lite. L'uomo, Renato Valboa, ha riportato ferite da arma da taglio ai polsi: è in corso di verifica se abbia tentato il suicidio o se si sia ferito durante la colluttazione. A dare l'allarme è stata la figlia 18enne di Valboa, la quale ha raccontato alla polizia di essere preoccupata per le sorti della compagna del padre dopo aver sentito, la scorsa notte, urla e discussioni nel loro appartamento e dopo aver visto l'uomo molto agitato. Scattati immediatamente i controlli della Squadra mobile di Napoli, all'arrivo nell'appartamento la macabra scena: la donna, 35 anni, era riversa nel salotto in una pozza di sangue. L'uomo non è scappato via dopo aver ucciso la sua compagna, ma è rimasto accanto al corpo della vittima: guardava la donna raggomitolato su stesso. Trasferito in ospedale per le ferite riportate ai polsi, è ora piantonato al Cardarelli. Dalle indagini è emerso che l'uomo non era estraneo a comportamenti violenti, dato che già nel 2002 tentò di uccidere la sua ex moglie.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©