Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

NAPOLI, VEGLIA DI PREGHIERA CONTRO LA RIFORMA GELMINI


NAPOLI, VEGLIA DI PREGHIERA CONTRO LA RIFORMA GELMINI
29/10/2008, 14:10

Una veglia di preghiera per convincere il ministro Gelmini e il governo “a rivedere la legge che impoverisce la scuola e l’università italiane” è stata organizzata dai rappresentanti della Confederazione degli studenti per venerdì pomeriggio nel Duomo di Napoli. “Visto che le proteste degli studenti, degli insegnanti, dei genitori e di tutti quelli che vivono la scuola e l’Università non sono state ascoltate, non ci rimane che rivolgerci a Dio affinché ci sia un ripensamento sul decreto” – così spiegano le motivazioni della singolare protesta il segretario regionale, Omero Pinto, e il presidente del Consiglio degli studenti dell’Università Federico II di Napoli, Luigi Napolitano, augurandosi che “anche il cardinale Sepe possa sostenere questa forma di protesta civile”. Ma anche la controparte fa sentire la propria voce: i giovani di Forza Italia della Campania manifestano la solidarietà al ministro Gelmini, difendono i contenuti dei decreti del Governo in tema di Pubblica Istruzione e di Università. Volantini esplicativi dei provvedimenti in discussione a palazzo Madama, sono stati distribuiti davanti le Università di Napoli, Caserta, Salerno e Benevento.  Alla manifestazione di oggi davanti, alla Federico II, “hanno partecipato - dice una nota - oltre un centinaio di militanti provenienti da vari comuni della provincia”.  “Università e formazione - afferma Armando Cesaro, responsabile nazionale per l’Università dei Giovani di Forza Italia - necessitano di un riassetto e di una razionalizzazione partendo dal presupposto che i laureati italiani hanno notevoli difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro. Un problema al quale il Governo deve dare risposte e soluzioni con la massima urgenza”. “Sarà compito dei giovani del PDL - gli fa eco Giovanni Ingenito, coordinatore di Forza Italia Giovani della Provincia di Napoli - promuovere in ogni sede l’approfondimento sui vari provvedimenti dell’attuale Governo. Il coordinamento provinciale di Napoli ha istituito un gruppo di lavoro per approfondire i temi e proporre un’azione di dialogo e comunicazione in tutti i Comuni della Provincia.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©