Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Donna finge di accettare nozze e scappa

Napoli, vuol farsi sposare dalla ex e la violenta

Carabinieri arrestano 42enne

Napoli, vuol farsi sposare dalla ex e la violenta
20/11/2013, 12:03

NAPOLI - I carabinieri della stazione di Napoli San Giuseppe hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto un 42enne dello Sri Lanka ritenuto responsabile di sequestro di persona a scopo di rapina e violenza sessuale.
Nel corso di attivita’ d’indagine avviata subito dopo la denuncia di una connazionale 41enne con la quale aveva avuto una relazione sentimentale, i militari dell’arma hanno accertato che verso le 14.30 del 18 novembre l’uomo aveva avvicinato la 41enne in piazza cavour e minacciandola con un coltello l’aveva obbligata a seguirlo nella sua casa, un terraneo nel rione sanità.
Nell’abitazione, impossessatosi di oggetti d’oro e 2 telefonini della vittima, con la minaccia di ridurla a pezzi a coltellate, chiedendole continuamente di sposarlo, ha spinto la malcapitata in camera da letto e l’ha picchiata, per poi bloccarle le mani con nastro adesivo da imballaggio e costringerla ad atti sessuali.
Dopo circa 4 ore, fingendo di assecondarlo nella sua richiesta di matrimonio, la donna e’ riuscita a uscire dalla casa con la scusa di fare spese al supermercato, accompagnata dal violentatore.
Durante la spesa, in un momento di disattenzione, la 41enne e’ finalmente riuscita a scappare, rifugiandosi in un palazzo ove e’ stata accolta da sconosciuti che le hanno dato ospitalità.
Nel corso di perquisizione nel terraneo in uso al 42enne i militari hanno sequestrato materiale vario utile per la ricostruzione dei fatti narrati dalla vittima.
La donna e’ stata visitata e medicata da sanitari del vecchio pellegrini che le hanno riscontrato “contusioni ecchimotiche a entrambe le braccia e alla regione laterocervicale sx, una piccola ferita a una gamba e altro” guaribili in 5 giorni.
Il fermato e’ stato associato alla casa circondariale di poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©