Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si trova ricoverato al reparto rianimazione Gennaro Esposito

NAPOLI:Sparatoria P. Garibaldi.Bambini rischiano la vita

Voleva farsi giustizia da solo il killer

NAPOLI:Sparatoria  P. Garibaldi.Bambini rischiano la vita
10/06/2011, 16:06

NAPOLI - Una sparatoria al centro di Napoli tra Piazza Carlo Terzo e il Rione Sanità ha messo a serio rischio la vita di molti bambini e ragazzini che stavano giocando proprio nel luogo dell’agguato.
Una vicenda che avrebbe potuto concludersi con esiti tragici ma che, nonostante le numerose ferite riportate da Gennaro Esposito non ha coinvolto la vita dei piccoli innocenti.
L’uomo che adesso si trova ricoverato nel reparto Rianimazione di un nosocomio napoletano per le ferite da arma da fuoco era un pregiudicato.
Colui che ha cercato incessantemente e ripetutamente di colpite Gennaro S. non si è fatto scrupoli e ha inseguito l’uomo nel parco . Qui non ha esitato a sparare ad altezza uomo rischiando più volte di colpite i bambini che spaventati si sono nascosti, salvandosi così la vita, dietro le macchine parcheggiate. Una corsa, quella tra il killer e Gennaro nata poco distante dal parco. I due stavano giocando una partita di calcetto, quando una pallonata nelle parti basse del killer ha fatto scatenare la rabbia di quest’ultimo che, recuperata l’arma da fuoco ha iniziato a sparargli contro. Gennaro ha cercato di salvarsi fuggendo su di una moto guidata da un amico, ma i proiettili lo hanno raggiunto colpendolo una o due volte. Dopo essere caduto è scappato a piedi attraversando il parco dove stavano giocando i bambini. Alle spalle ancora il killer che ha continuato a sparare nonostante le urla dei ragazzini.
Fortunatamente, capito che ormai non era più possibile raggiungere il pregiudicato, il killer ha sparato gli ultimi colpi ed è fuggito con un complice su di un motorino.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©