Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il presidene dice no a stumentalizzazione del gentil sesso

Napolitano difende ruolo femminile dei media


Napolitano difende ruolo femminile dei media
15/04/2010, 21:04

ROMA – Il presidente della Repubblica dalla parte delle donne. "Le donne devono esigere rispetto in ogni ambito: nella famiglia, nella scuola, sul luogo di lavoro, in politica". Questo il messaggio indirizzato a Mirella Ferlazzo, presidente del Comitato per le pari opportunità, da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione del convegno su 'Donne in tv e nei media: un nuovo corso per l'immagine femminile'.
Proprio a proposito del mondo della comunicazione, il Capo dello Stato stigmatizza la presenza di "un'immagine della donna che risponda a funzioni ornamentali o che venga offerta come bene di consumo" perché ciò "offende profondamente la dignità delle donne italiane".
Da parte di Napolitano non sono mancate parole dirette: "Questo stile di comunicazione nei media, nelle pubblicità, nel dibattito pubblico, può offrire un contesto favorevole, dove attecchiscono molestie sessuali, verbali e fisiche, se non veri e propri atti di violenza anche da parte di giovanissimi. È certamente importante che si ponga un argine a questo dilagare della tendenza alla sottovalutazione o all'aperto disprezzo della dignità femminile, educando fin dall'infanzia i giovani al rispetto delle donne. Le ragazze a pretenderlo e ancor più i ragazzi a esprimerlo".
Il Capo dello Stato ricorda il suo richiamo, rivolto in occasione della cerimonia dell'8 marzo 'Giornata internazionale della Donna' al Quirinale, per "sollecitare le adolescenti che si apprestano a entrare nell'età adulta a esigere il rispetto della loro dignità di donne. L'impegno a rimuovere gli ostacoli che limitano la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, contenuto nell'articolo 3 della nostra Costituzione, così come la richiesta rivolta dall'articolo 117 alle leggi regionali di rimuovere ogni ostacolo che impedisce la piena parità tra donne e uomini, si riferiscono ovviamente - tiene a sottolineare Napolitano - anche al diritto di ottenere uguale rispetto e dignità per i cittadini di entrambi i sessi".

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©