Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La rete vuole combattere gli stereotipi nell'informazione

Nasce "Giulia", l'associazione delle giornaliste

Oggi a Roma la presentazione del manifesto

Nasce 'Giulia', l'associazione delle giornaliste
05/12/2011, 21:12

ROMA - Gli stereotipi nella cultura veicolati dall'informazione, il linguaggio usato, il modo di trattare i casi di violenza sessuale, le immagini femminili utilizzate nei periodici, il modo di fare la cronaca. Sono alcuni dei temi sui quali si concentra la controinformazione di "Giulia", la rete delle Giornaliste Unite Libere Autonome che oggi a Roma ha presentato il proprio manifesto e il sito dell'associazione. "Questa associazione serve per aiutarci a cambiare un modo di pensare", dice nel suo saluto il presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Roberto Natale. ''Il problema della qualità dell'informazione è un tema centrale anche per il sindacato. E, come sottolinea, "non è asessuata la questione dei freelance che investe in modo pesantissimo tutta la categoria ma che colpisce soprattutto le colleghe'', ha sottolineato. "Quando si parla di una donna affermata o che fa politica, le prime cose che vengono riportate riguardano il modo in cui è vestita, se ha scarpe col tacco o gioielli. Tutto cio' e' offensivo ed e' indicativo di una cultura che va cambiata'', afferma Benedetta Barzini, tra le firmatarie del manifesto che, insieme a molte precarie e freelance, conta tra le sue fila giornaliste note quali Natalia Aspesi, Tiziana Ferrario, Anna Scalfati, Maria Luisa Busi, Norma Rangeri, Fiorenza Sarzanini, Michela Marzano, Giuliana Sgrena, Barbara Scaramucci, Marcelle Padovani, Lea Melandri, Silvia Tortora.

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©