Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sarà Piacenza ad ospitare lo sportello

Nasce il primo osservatorio anti mafia in Emilia-Romagna

L'iniziativa sarà sostenuta dalla Regione

Nasce il primo osservatorio anti mafia in Emilia-Romagna
20/03/2012, 19:03

PIACENZA - Partirà domani l'Osservatorio Legalità e Sicurezza della Provincia di Piacenza, il primo in Emilia-Romagna, illustrato alla presenza di rappresentanti delle istituzioni e delle forze dell'ordine. Nato d'intesa con la fondazione Antonino Caponnetto in memoria del giudice antimafia morto nel 2002, l'Osservatorio è sostenuto anche dalla Regione. È stato presentato dall'assessore provinciale alla Sicurezza Maurizio Parma, promotore dell'iniziativa, e da Salvatore Calleri, presidente della Fondazione e braccio destro di Caponnetto dal 1991 al 2002. L'Osservatorio dovrà realizzare fino a giugno 2014 attività di monitoraggio, raccolta, analisi dei dati, migliorare le conoscenze sul fenomeno mafioso, perchè - ha detto Calleri - «Piacenza non è terra di mafia, ma la mafia c'è», è sicuramente la città «più tranquilla in Emilia-Romagna, ma non è immune ed è necessario fare prevenzione». Verranno fornite informazioni a commercianti ed Enti locali per evitare infiltrazioni mafiose. Le iniziative divulgative coinvolgeranno le scuole. Obiettivo dell'Osservatorio, ha precisato l'assessore Parma, è «rafforzare gli anticorpi sociali contro le infiltrazioni della malavita organizzata, sviluppando il lavoro di rete già esistente con le istituzioni che, a diverso titolo, si occupano di legalità e promuovendo percorsi di sensibilizzazione». 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©