Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Nasconde motociclo nella camera della suocera perchè senza RCA


Nasconde motociclo nella camera della suocera perchè senza RCA
11/07/2009, 12:07

Singolare l’episodio verificatosi nel primo pomeriggio di ieri, in Piazza S. Ciro a Portici, dove gli agenti del Commissariato di Polizia “Portici-Ercolano”, nel corso dei normali servizi di prevenzione e controllo del territorio, hanno intercettato uno scooter Honda sh con due giovani a bordo.
Benché imposto l’Alt Polizia il conducente, anziché di arrestare la marcia, ha accelerato l’andatura effettuando delle manovre pericolose, fuggendo in direzione di Napoli.
I poliziotti hanno inseguito i due giovani ed il passeggero, nel corso della fuga, al fine di non far identificare il motociclo, ha coperto con i piedi il numero di targa.
Ne è nato un rocambolesco inseguimento, protrattosi e terminato nel quartiere San Giovanni a Teduccio ove, a causa di una spericolata manovra del conducente del motociclo, la volante della Polizia è impattata frontalmente contro un’autovettura che procedeva in senso contrario di marcia.
I poliziotti, che erano riusciti a rilevare parte della targa, benché feriti, sono riusciti a risalire all’intestatario dello scooter.
Ciro ANCORA, pregiudicato di Torre del Greco di 23 anni, per guadagnarsi un alibi, si è recato presso l’abitazione della suocera ove ha nascosto, all’interno della camera da letto, il motociclo recandosi, successivamente, presso la Stazione dei Carabinieri per denunciarne il furto.
Il tempismo dei poliziotti ha smascherato il tentativo di simulazione del reato, recuperando il motociclo.
Gli agenti, poco più tardi, riusciti ad identificare anche il complice, si sono recati presso l’abitazione di Francesco Paolo CIPRIANI di 19 anni, al momento assente.
CIPRIANI, grazie alla collaborazione ed al senso civico del padre, è stato dallo stesso rintracciato.
ANCORA e CIPRIANI, sono stati arrestati perché responsabili, in concorso tra loro, dei reati di resistenza a P.U., lesioni e danneggiamento aggravato.
ANCORA, inoltre, è stato anche contravvenzionato ai sensi del C.d.S., in quanto la sua fuga è scaturita dalla mancanza della prescritta assicurazione RCA.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©