Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A Mantova la coppia rumena risponderà di tentato omicidio

Nasconde neonata in lavatrice, una rumena in carcere


Nasconde neonata in lavatrice, una rumena in carcere
10/10/2010, 13:10

Ha partorito la sua bambina e poi l'ha nascosta nel cestello della lavatrice. Ma dopo essersi sentita male, il marito ha chiamato i soccorsi. Miahaela Cristea, di 32 anni, è stata portata in ambulanza in ospedale, dove i medici si sono accorti che aveva appena partorito. I carabinieri sono andati all’agriturismo e hanno trovato la neonata. Viva.

Il fatto è avvenuto ieri nelle prime ore del pomeriggio in una camera dell'agriturismo Corte Trincerone a Mantova, dove Miahaela e il marito, Viorel Cristea di 41 anni, risiedono da alcuni mesi. Per i due rumeni è scattato l’arresto per tentato omicidio: la donna ora è piantonata in ospedale, Viorel nella notte in una camera di sicurezza nella caserma dei carabinieri ha tentato il suicidio stringendosi un laccio attorno al collo, ma è stato soccorso in tempo. Anche lui si trova ora ricoverato all’ospedale. Per i medici del reparto di Patologia neonatale dell’ospedale di Mantova, dove la piccola è ricoverata, la bimba è nata comunque sana e non dovrebbe aver risentito delle condizioni in cui è venuta alla luce

Secondo quanto scrive la Gazzetta di Mantova, la donna sarebbe una prostituta che mercoledì scorso era ancora al lavoro, incinta di 9 mesi, e sarebbe stata aggredita e derubata da un cliente. Secondo quanto accertato dal quotidiano, Miahaela aveva presentato una denuncia mercoledì scorso dopo essere stata aggredita da un cliente. Incinta di 9 mesi era ancora al lavoro su una strada alla periferia di Mantova e durante quella notte un uomo l’aveva picchiata per portarle via i soldi, circa 200 euro. Non si esclude che sia stata quindi proprio l’aggressione a provocare, forse leggermente in anticipo, il parto. Le indagini hanno confermato quanto accertato in un primo momento. Mihaela Cristea e il convivente Viorel (non si esclude sia il protettore), ieri erano in un agriturismo a Trincerone, alle porte di Mantova. In tarda mattinata la donna ha partorito e ha nascosto la neonata nella lavatrice insieme ai panni sporchi, ma poi è stata colta da una forte emorragia. Con lei in quel momento c’era quasi sicuramente Viorel, ma non si esclude la presenza di una terza persona che avrebbe aiutato la donna a partorire.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©