Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dopo 40 anni la base si trasferisce in Gran Bretagna

Nato: chiude il Comando navale di Nisida

Verranno trasferiti 180 militari

Nato: chiude il Comando navale di Nisida
27/03/2013, 18:33

NAPOLI - Chiude i battenti la base Nato di Nisida, al largo di Napoli. Dopo quarant'anni di attività il Comando Marittimo Nato di Napoli chiude e si trasferisce a Northwood, in Gran Bretagna. La cerimonia di disattivazione del comando, durante la quale è stata ammainata la bandiera della Nato, si è svolta oggi a Nisida, l'isolotto ai piedi della collina di Posillipo, nella base che dal 1971 ospitava il quartier generale degli Alleati. Ben 180 militari di 19 Nazioni - 30 dei quali italiani - saranno trasferiti al Comando Interforze (JFC Naples) o riassegnati ai rispettivi Paesi. Alla cerimonia, stamattina, hanno partecipato l'ammiraglio Rinaldo Veri e il Comandante del JFC Naples, ammiraglio Bruce Clingan.

Solo qualche mese fa è stata disattivata anche la tradizionale base Nato di Bagnoli, che è stata trasferita nella nuova struttura di Lago Patria, nel comune di Giugliano, in provincia di Napoli. Ciò rientra nel progetto di ristrutturazione della Nato, che ha comportato notevoli tagli alle basi e al personale del Comando integrato, che è stato ridotto da 13mila a quasi 9mila uomini. L'abbandono di Nisida non avrà ripercussioni sul piano operativo. Piuttosto, come precisato dall'ammiraglio Rinaldo Veri, "La vera perdita è sul piano umano; tutti gli ufficiali e sottoufficiali stranieri hanno avuto un rapporto splendido con la città di Napoli e si sono sentiti sempre a casa. Nessuno, tra chi ha prestato servizio a Nisida, dimenticherà mai il contesto unico offerto da questa meravigliosa isola [...]. Questo luogo è entrato e sarà sempre nei nostri cuori". Tra le più importanti operazione condotte dalla base di Nisida ci sono missioni compiute durante la Guerra del Golfo e durante la crisi nei Balcani a cui si sono aggiunti, recentemente, alcuni interventi in Libia.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©