Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Riaperto il caso dopo la decisione del tribunale francese

Nave Costa Concordia, riapre trattative per indennizzo


Nave Costa Concordia, riapre trattative per indennizzo
14/02/2012, 17:02

PARMA - Sulla scorta di quanto stabilito ieri dal tribunale francese di Nanterre, Confconsumatori chiede a Costa Crociere «di prorogare quanto meno al 14 maggio 2012, spontaneamente ed immediatamente, la facoltà di aderire per tutti i danneggiati di qualunque nazionalità» all'offerta di indennizzo. In pratica, di riaprire le trattative. «Le riserve manifestate fin da subito da Confconsumatori sulla transazione trovano conforto nell'ordinanza emessa ieri in Francia», si legge in una nota dell'associazione. La decisione del tribunale alle porte di Parigi ha fatto in modo infatti che i passeggeri rimasti vittime dell'incidente all'isola del Giglio possano avere tre mesi di tempo per studiare l'offerta di risarcimento di 11 mila euro proposto dalla Costa. In un primo tempo, la compagnia aveva invitato i passeggeri a pronunciarsi entro dieci giorni. Ora anche Confconsumatori, che non ha aderito alla proposta transattiva insiste «affinchè - scrive in una nota la presidente Mara Colla - Costa Crociere convochi un tavolo conciliativo aperto a tutte le associazioni di consumatori, o soggetti comunque rappresentativi delle vittime del naufragio, di tutti paesi di provenienza dei danneggiati». 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©