Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nave dei Veleni: Realacci chiede il sequestro del relitto


Nave dei Veleni: Realacci chiede il sequestro del relitto
18/10/2009, 15:10

Ancora terrore in Calabria per le navi dei veleni. "Chiediamo il sequestro dell'area e del relitto affondato al largo di Cetraro e che il Governo si attivi per una campagna di sicurezza sul pescato". Parla Ermete Realacci, responsabile Ambiente del Pd oggi a Cetraro per incontrare i pescatori della zona. "E' necessario procedere alle indagini con la massima trasparenza", spiega Realacci, "per verificare quale sia il contenuto dei fusti affondati insieme alla Cunsky, per mettere in sicurezza la zona e accertare quali rischi corra la popolazione e l'ecosistema marino". "Come viene esplicitamente chiesto nella mozione presentata insieme al collega Fabio Granata e sottoscritta da oltre settanta parlamentari di maggioranza e opposizione, dal momento che si tratta di una vicenda di straordinaria gravita' e' necessaria la mobilitazione dello Stato ai massimi livelli. La Presidenza del Consiglio deve coordinare l'azione del Ministero degli Interni, della Giustizia, degli Esteri, della Salute e dell'Ambiente in una task-force che possa mettere in campo le risorse, i mezzi e le tecnologie necessarie per far luce su questa gravissima vicenda, a cominciare dall' improrogabile ricerca delle altre navi che con tutta probabilita' giacciono sui fondali dei nostri mari con il loro carico di rifiuti tossici e radioattivi, oltre a mettere in sicurezza l'area a terra interessata da rifiuti tossici nonche' sulla presenza di materiale radioattivo nelle localita' di Serra d'Aiello e Aiello Calabro. Quello di oggi - ha aggiunto Realacci - e' stato un incontro positivo con il mondo della pesca, gli ambientalisti, gli amministratori e il sindacato, realta' che stanno collaborando responsabilmente per affrontare una situazione difficile.

Commenta Stampa
di V.R.
Riproduzione riservata ©