Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Navigare, presentata carta nautica e firma protocollo d'intesa con Provincia


Navigare, presentata carta nautica e firma protocollo d'intesa con Provincia
29/04/2011, 15:04

Napoli – Presentata questa mattina, venerdì 29 aprile nel salone dei trofei del Circolo Nautico Posillipo, la prima carta nautica per la navigazione e la fruizione, delle sei aree marine protette della Campania e per i servizi di prima necessità dei diportisti realizzata dall’ANRC.

L’elaborato è stato presentato dal presidente dell’associazione nautica regionale campana, Marco Monsurrò, e dall’assessore alla Risorsa Mare, della Provincia di Napoli, Marco Di Stefano.

Durante la presentazione è stato firmato un protocollo d’intesa tra le parti, che si impegnano ad avviare un rapporto di collaborazione e partenariato per lo sviluppo di iniziative e progetti finalizzati a valorizzare la risorsa mare. In particolare a perseguire obiettivi di sviluppo economico e di sostenibilità ambientale, con azioni prioritariamente indirizzate alla nautica da diporto, al turismo integrato, all’economia del mare, alla sostenibilità ed alla compatibilità ambientale, all’innovazione tecnologica ed alla formazione professionale.

L’Associazione Nautica Regionale Campana, nell’ottica di fattiva collaborazione con gli enti istituzionali di territorio e in particolare con la Provincia di Napoli, attraverso l’assessorato delle Risorse al Mare, ha realizzato questo elaborato, che gode del patrocino della Provincia, dell’Ucina e dell’Unione Industriali di Napoli, affinché sia possibile per i diportisti fruire delle risorse marine delle Aree Marine Protette presenti lungo la linea di costa della Campania.

La cartina presenta così le sei AMP presenti nel tratto di mare della Campania: Regno di Nettuno (Ischia-Procida), Parco sommerso di Gaiola, Parco sommerso di Baia, Punta Campanella, S. Maria di Castellabate e Costa degli Infreschi, a cui si aggiunge fuori tavola quella di Santo Stefano-Ventotene consueta méta dei diportisti campani, con le tutte le limitazioni che vanno dall’ancoraggio sino alla navigazione.

L’azione, voluta dal nuovo direttivo presieduto da Marco Monsurrò, rappresenta solo il primo passo di una politica di ulteriore interazione con le istituzioni che intende collocare l’associazione sia al servizio dei propri iscritti, sia al fianco degli organi istituzionali.

L’intento è quello di mettere a conoscenza dei diportisti, che navigano nel Tirreno, compreso tra Ventotene e la parte terminale della costa campana sino a Punta degli Infreschi, quali siano le regole per una corretta percorrenza dei tratti di mare che sono state qualificati come AMP.

La cartina inoltre offre ai diportisti una tavola per identificare, in una sola soluzione, riferimenti validi per i servizi a terra. Numeri dei Marina, delle Autorità Portuali, Capitanerie di Porto, numeri dei VHF dei porti e persino dei distributori di carburante nei Marina, sono solo alcuni dei vantaggi che sono stati inseriti nel lavoro realizzato dall’associazione.

Un codice a barre per l’acquisizione delle informazioni, leggibile con i telefonini di ultima generazione, è stato applicato per facilitarne l’utilizzo e la fruizione. La cartina assume così un duplice valore: quello di offrire un servizio ai diportisti e quello di poter supportare la promozione dei singoli territori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©