Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I fermati appartengono alla cosca Abruzzese

'Ndrangheta, 12 arresti: pianificavano attentato contro pm


'Ndrangheta, 12 arresti: pianificavano attentato contro pm
10/06/2011, 08:06

COSENZA - Nell'ambito dell'operazione "Tsunami" i carabinieri della provincia di Cosenza, in collaborazione con gli agenti del commissariato di polizia di Castrovillari, hanno provveduto al fermo di dodici persone (undici a Cosenza ed una a Castrovillari) ritenute affiliate alla cosca Abruzzese, egemone nel territorio dell'alto Ionio cosentino. Da quanto è emerso dalle indagini degli investigatori, la cosca stava progettando un imminente attentato alla vita di un magistrato della Procura distrettuale antimafia di Catanzaro.
I fermati sono ritenuti colpevoli, a vario titolo, dei reati di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, porto e detenzione aggravati di armi da sparo comuni e da guerra.
L'attività investigativa ha permesso di accertare che la cosca degli "zingari" stava pianificando l'imminente attentato al pm di Catanzaro in risposta ai duri colpi ricevuti dallo Stato con l'arresto del latitante Nicola Abruzzese, il 26 maggio scorso, da parte dei carabinieri di Cosenza e con la condanna all'ergastolo da parte della Corte d'Assise di Cosenza di suo fratello, Francesco Abruzzese, ritenuti insieme i capi dell'organizzazione mafiosa.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©