Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

'Ndrangheta: due arresti a Reggio Calabria, sequestrati beni per 30 mln


'Ndrangheta: due arresti a Reggio Calabria, sequestrati beni per 30 mln
24/01/2013, 10:05

Gli uomini del Centro Operativo D.I.A, i finanzieri del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria ed i Carabinieri del Comando Provinciale, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria stanno eseguendo l'arresto di due noti imprenditori di Reggio Calabria sequestrando beni, in Calabria, Lombardia e nel Lazio, per un valore di circa 30 milioni di euro.

Si tratta di due imprenditori collusi con la potente cosca Tegano, una delle piu' importanti della'ndrangheta di Reggio Calabria, con all'attivo ben 15 attivita' commerciali, con relativo patrimonio aziendale, operanti, principalmente, nel settore della grande distribuzione.

L'indagine - spiega una nota della DIA - e' la naturale prosecuzione dell'operazione che, nel luglio scorso, aveva accertato il ruolo rilevante ricoperto da Dominique Suraci, sia quale referente privilegiato del potente clan nel settore della grande distribuzione alimentare, sia quale interlocutore politico della stessa, attesa la carica di consigliere che il predetto ha rivestito nel Comune di Reggio Calabria.

L'operazione ha disarticolato il cartello di imprese creato dalla cosca, grazie al quale venivano imposte le forniture di beni e servizi a societa' non colluse della citta' di Reggio Calabria.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©