Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Tra gli imputati anche Chiriaco, ex direttore Asl di Pavia

‘Ndrangheta in Lombardia. Scattano le condanne per 41 persone


‘Ndrangheta in Lombardia. Scattano le condanne per 41 persone
06/12/2012, 18:42

MILANO – L’operazione “infinito”, scattata con lo scopo di colpire la ‘Ndrangheta in Lombardia ha portato al processo di primo grado con rito ordinario che si è conclusa con 41 condanne e 3 assoluzioni.
Tra gli imputati c’era anche Carlo Chiriaco, ex direttore della Asl di Pavia, condannato a 13 anni. Secondo l’ipotesi accusatoria, Chiriaco sarebbe stato “elemento di raccordo tra alti esponenti della `ndrangheta lombarda (...) e alcuni esponenti politici”, favorendo, inoltre, “gli interessi economici della `ndrangheta garantendo appalti pubblici e proponendo varie iniziative immobiliari” e procurando “voti della `ndrangheta a favore di candidati in occasione di competizioni elettorali comunali e regionali”. 
Tra gli altri condannati dai giuici della ottava sezione del tribunale di Milano, con collegio presieduto da Maria Luisa Balzarotti, ci sono anche l’ex capo della struttura di vertice della `ndrangheta in Lombardia (la “Provincia”), Giuseppe “Pino” Neri, che ha avuto una condanna a 18 anni, e Ivano Perego della Perego General Contractor, condannato a 12 anni.

 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©