Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

C'era un sproporzione tra redditi dichiarati e patrimonio

'Ndrangheta, sequestro di beni per 20 mln a imprenditore

Quattrone probabilmente era affiliato alla cosca Libri

'Ndrangheta, sequestro di beni per 20 mln a imprenditore
28/05/2012, 09:05

REGGIO CALABRIA - La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria ha messo sotto sequestro beni per 20 milioni di euro, di cui 58 unità immobiliari e produttive e molteplici appezzamenti di terreno agricolo per un'estensione di oltre 360mila metri quadri, appartenenti a Francesco Gregorio Quattrone, un imprenditore di 55 anni che già era sorvegliato speciale. Il sequestro, che comprende anche beni aziendali e rapporti finanziari, è stato disposto dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, con apposito decreto, in seguito ad alcuni accertamenti relativi ad una sproporzione tra redditi dichiarati ed effettivo patrimonio aziendale e personale dell'imprenditore. In attesa dell'udienza, l'autorità giudiziaria ha affidato i beni sequestrati a due professionisti di Reggio Calabria che provvederanno ad amministrare le attività aziendali garantendone la prosecuzione.

Quattrone, in passato, era già stato destinatario della misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza. Coinvolto nell'operazione "Olimpia" come presunto affiliato alla cosca Libri - i collaboratori di giustizia Giovanni Riggio, Giuseppe Calabrò, Antonino Rodà, Antonino Gullì e Paolo Iannò hanno rilasciato convergenti dichiarazioni accusatorie sul conto dell'imprenditore, etichettandolo come il "referente" della cosca Libri negli anni '90 - Quattrone fu poi prosciolto. Arrestato nell'ambito dell'operazione "Entourage" nell'ottobre 2010 con l'accusa di associazione a delinquere di carattere mafioso, l'imprenditore è stata successivamente scarcerato poichè la sezione del riesame del Tribunale di Reggio Calabria ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per insuffcienza di indizi di colpevolezza.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©