Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Leonardo Iatì agì per i soldi. Ora è in carcere

Nel 2009 uccise una pensionata: oggi confessa


Nel 2009 uccise una pensionata: oggi confessa
03/03/2012, 12:03

AGRIGENTO - Uccise Giovanna De Rossi, pensionata di 68 anni, nel dicembre del 2009: oggi Leonardo Iatì, 21 enne arrestato giovedì scorso perché accusato di questo omicidio, ha confessato di essere l’autore del delitto. Siamo a Montallegro, ad Agrigento: il giovane ha confermato di avere agito a scopo di rapina. Credeva che la donna, che viveva al piano di sotto della sua abitazione, custodisse in casa una cospicua somma di denaro, che gli sarebbe servita per ripianare una serie di debiti contratti a causa del suo vizio di scommettere grosse somme di denaro su eventi sportivi.
In meno di due anni, infatti, il giovane, disoccupato, aveva perso circa 20mila euro. Leonardo Iatì ha raccontato al gip Stefano Zammuto, che ha firmato il provvedimento cautelare, e davanti al sostituto procuratore Antonella Pandolfi, che ha chiesto e ottenuto l’arresto, di avere agito la sera del 6 dicembre e di avere ucciso la De Rossi colpendola alla testa con un grosso vaso di vetro, inscenando poi una sorta di rituale satanico allo scopo di depistare le indagini.
Ad incastrare il ragazzo era stato il Dna che era stato prelevato al padre, poliziotto, e che ha portato il Ris di Messina, dopo le analisi di laboratorio, a indicare proprio lui come possibile autore del delitto. Leonardo Iatì ora si trova rinchiuso nel carcere di contrada Petrusa ad Agrigento.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©