Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Nel 2010 in Campania circolavano 58 auto ogni 100 abitanti


Nel 2010 in Campania circolavano 58 auto ogni 100 abitanti
13/06/2012, 16:06

Nel 2010 in Campania circolavano 58 auto ogni 100 abitanti. Grazie a questo valore la Campania si colloca all’ottavo posto nella graduatoria delle regioni italiane stilata in base al rapporto tra auto circolanti ed abitanti; in testa a questa classifica vi sono Umbria e Lazio (con 67 auto ogni 100 abitanti); al secondo posto possiamo trovare Piemonte (insieme a Valle D’Aosta) e Toscana, con 64 auto ogni 100 abitanti. Lo studio dell’Osservatorio Autopromotec (che è la struttura di ricerca di Autopromotec, la più specializzata rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico) da cui derivano questi dati fornisce anche i valori relativi alle singole province. In Campania la provincia in cui vi è il più alto rapporto tra auto circolanti ed abitanti è Benevento (61 auto ogni 100 abitanti), seguita da Caserta (60), Avellino e Salerno (59) e Napoli (58).



Dal confronto tra i dati regionali del 2008 e quelli del 2010 emerge che in questo lasso di tempo le auto ogni 100 abitanti sono aumentate di due unità in Abruzzo, Molise, Sicilia, Basilicata e Puglia, mentre le regioni in cui le auto ogni 100 abitanti sono aumentate di una unità sono Toscana, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Calabria, Sardegna, Campania e Trentino Alto Adige. In tutte le altre regioni non vi sono state variazioni.



Fra i maggiori paesi europei l’Italia è la nazione con il più alto rapporto fra auto circolanti ed abitanti. Quali sono le cause di questa situazione? La spiegazione più probabile è che la grande diffusione delle auto in Italia sia causata dall’inefficienza del trasporto pubblico, che non rappresenta, in molti casi, un’alternativa reale per la maggior parte degli spostamenti in auto.

In ogni caso la grande diffusione delle auto nel nostro Paese, testimoniata dai dati di questo studio, impone l’esigenza di dedicare particolare cura all’efficienza del parco circolante e sottolinea l’importanza di sottoporre le auto che fanno parte del parco circolante alla manutenzione periodica programmata ed alle revisioni obbligatorie. Tutto questo per garantire una piena funzionalità dei dispositivi di sicurezza delle auto e per controllare il livello delle emissioni nocive.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©