Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Droga, arresti da parte di poliziotti e carabinieri

Nella loro serra non solo verdure ma anche canapa indiana


.

Nella loro serra non solo verdure ma anche canapa indiana
28/03/2011, 12:03

POMPEI-Nella loro serra non solo scarole, sedano, pomodori ed altre verdure ma anche ben 800 mq destinati alla coltivazione fai da te di 91 piante di canapa indiana, per questo motivo due coltivatori diretti sono stati arrestati dagli agenti del commissariato di pubblica sicurezza di Pompei dopo serrate indagini. Si tratta dei coniugi  Giuseppe Veneruso, di 45 anni e Rosa Sgaglione, di 47anni che in via Fossa dei bagni, presso un vasto appezzamento di terreno, di circa 5000mq di estensione, all’interno di un deposito per attrezzi agricoli e dunque  al riparo dalle intemperie, avevano allestito una piantagione di 91 canape indiane destinate poi alle piazze di spaccio di sostanze stupefacenti; di queste 40 erano costituite solo da germogli alloggiati in contenitori isotermici di polistirolo, mentre le restanti erano già piantate nei vasi. Insomma si erano organizzati in modo da avere una crescita più rigogliosa e quindi ricavarne un buon profitto dalla successiva vendita.   Il reato contestato a   Veneruso e Sgaglione in concorso tra loro, è quello di produzione e coltivazione illecita di sostanza stupefacente. Anche i carabinieri di Boscoreale, in un’operazione volta al contrasto della detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato due persone. Si tratta di un 18enne del luogo Pasquale Manzo  e Pasquale Vanacore, 20enne, di marano di napoli. I 2 sono stati bloccati e perquisiti dopo essere stati notati dai militari mentre cedevano stupefacenti a due acquirenti.  I clienti sono stati trovati in possesso di 3,5 grammi di marijuana mentre gli spacciatori di 8 grammi di cocaina e di 11,7 grammi di marijuana.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©