Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Neonato abbandonato nella "Culla per la vita"


Neonato abbandonato nella 'Culla per la vita'
07/07/2012, 20:07

Sono le 18.30 di ieri quando una donna partorito da poco, probabilmente europea, schiaccia il per la prima volta il pulsante della clinica Mangiagalli a Milano. Si alza la saracinesca e la neo mamma lascia il piccolo nell’incubatrice con alcuni vestitini di colori strani e un biberon di latte materno. Dopo pochi secondi parte in automatico il messaggio ai medici della clinica per avvertire dell’accaduto.

Dal 2007, anno in cui è stato fondato questo servizio, è stata la prima volta che la “Culla per la vita” viene utilizzata.

Il neonato sta bene, pesa un chilo e 700 grammi ed è stato chiamato Mario in nome della Santa che ricorreva ieri Maria Goretti e il cognome è Mangiagalli. Rimarrà in incubatrice ancora per qualche settimana per poi essere affidato temporaneamente ad altre strutture aspettando che il tribunale dei minori avvii le pratiche per l’adozione.

Da quando la notizia si è diffusa il centralino della clinica riceve continue richieste di adozione principalmente dal nord e ovviamente da Milano.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©