Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Situazione disastrosa sulle autostrade

Neve e gelo dal Piemonte alla Campania, Italia in ginocchio


Neve e gelo dal Piemonte alla Campania, Italia in ginocchio
01/02/2012, 19:02

ROMA - Continua l'ondata di freddo e maltempo in tutta Italia. Le nevicate si estendono a tutta Italia, nelle grandi città (la neve ha cominciato a cadere anche a Firenze) come nelle piccole (sono molti i comuni del centro e del sud innevati). E ogni ente sta prendendo provvedimenti di propria competenza.
A Milano, per esempio, sono in circolazione i mezzi spargisale, mentre sono state aumentate le cure per i clochard, che rischiano la vita, con il freddo di questi giorni. Tanto che le stazioni hanno aperto i mezzanini per permettere loro di ripararsi, mentre i volontari moltiplicano i loro sforzi. Nonostante questo, grave incidente nella mattinata: una donna è scivolata e ha battuto con violenza la testa. E' stata ricoverata in ospedale in coma.
A Torino è stata fissata fino al 5 febbraio la chiusura parziale dell'ospedale Le Molinette, che impedirà le operazioni non di urgenza e alcuni servizi. Tutto a causa di una caldaia vecchia di 70 anni che è stata chiusa perchè non funziona più. Sono stati mobilitati 500 spalatori per sgombrare i marciapiedi da altri 10 centimetri di neve caduti ieri.
Al centro sono state predisposte misure di prevenzione: pronti i mezzi spargisale e spazzaneve in Toscana - anche se qui sono stati già in parte utilizzati - in Emilia Romagna e in Umbria, che questa mattina si è svegliata sotto la neve. Ma anche a Bologna, la neve rende difficile spostarsi sotto la neve, anche sulle autostrade.
Al sud neve sulla A3, nella parte compresa tra Lagonegro, in provincia di Potenza, e Morano Calabro, provincia di Cosenza; quindi con obbligo di catene a bordo. Ma anche qui sono in funzione i mezzi spargisale e spazzaneve, per garantire la transitabilità.
Neve anche in Sicilia, con l'Etna imbiancato; ma neve è caduta anche alle porte di Palermo. A Messina attivato un "punto freddo", per poveri e clochard che non hanno un posto dove andare.

La situazione sulle autostrade:

Continua a nevicare sul centro nord del Paese, in particolare in Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Umbria. Le precipitazioni nevose, iniziate nella tarda mattinata di ieri, hanno fatto registrare pesanti accumuli di neve al suolo sulle tratte autostradali colpite. In particolare, si registrano accumuli di neve di 30 cm in A14 tra Reggio Emilia e Forlì, di 35 cm in A1 tra Modena e Bologna, di 30 cm tra Sasso Marconi e il tratto appenninico dell'A1 e di 20 cm in A1 tra Fabro e Orvieto. La percorribilità delle rete di Autostrade per l'Italia è sempre stata garantita grazie al dispositivo messo in campo con 2000 mezzi, 5000 operatori, 140 depositi tattici e 7 strategici distribuiti sulla rete. Dopo la riapertura al traffico pesante degli itinerari autostradali A1 Milano-Parma, A15 Parma-La Spezia, A12 La Spezia-Rosignano, nonché della SS1 Aurelia Rosignano-Civitavecchia, la momentanea attenuazione delle precipitazioni nevose ha consentito la riapertura degli itinerari A1 Firenze-Attigliano, A11Firenze-Pisa Nord e la Strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno in modo da ripristinare i collegamenti tra nord e sud attraverso il versante tirrenico. Nelle prossime ore si prevede un peggioramento della situazione sul tratto marchigiano dell' A14, che potrebbe portare neve da questa sera. Al momento le nevicate più intense interessano i seguenti tratti autostradali: A1 Milano-Napoli, tra Modena sud e Rioveggio; A14 Bologna-Taranto, tra l'allacciamento con la Diramazione per Ravenna e Cattolica; Nevica inoltre, ma con minore intensità su: A1 Milano-Napoli, tra Milano e Modena sud; A14 Bologna-Taranto, tra Bologna e l'allacciamento con la Diramazione per Ravenna; A16 Napoli-Canosa, tra Baiano e Candela; A26 Genova Voltri-Gravellona Toce, tra Ovada e Casale monferrato sud; Diramazione per Ravenna; Raccordo di Casalecchio. 

Ultimo aggiornamento, ore 19:00

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©