Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Alla trasmissione 'Domenica Live' su Canale 5

Nicole Minetti: "In politica non bisogna essere preparati"

"Sono una giovane con tanta voglia di fare e imparare"

Nicole Minetti: 'In politica non bisogna essere preparati'
08/10/2012, 00:15

Non ha peli sulla lingua, è convinta di quello che dice e affronta la telecamera con un'aria impertinente. Nicole Minetti, consigliera regionale del Pdl al centro di un mare di polemiche, è stata ospite del programma di Alessio Vinci a 'Domenica Live'. Dice che non vuole sapere, almeno per il momento, di dimettersi. Poi la frase shock: "Non è vero che bisogna essere particolarmente preparati per fare politica". Nicole Minetti non è per nulla imbarazzata, non si fa spaventare da nessuna domanda, ribatte colpo su colpo, quasi come se fosse un'innocente studentessa alla prima interrogazione. "La politica deve rispettare tutta la società, quindi non deve essere fatta solo di persone preparatissime. Io nasco come una giovane che si è sempre interessata di politica fin da ragazza, ero una militante nella mia città, Rimini. Sono un'igienista dentale, poi una soubrette e infine divento consigliere regionale. Ma sono tre sfumature della stessa persona. Sono una giovane con tanta voglia di fare e imparare". Alla domanda "si merita dunque il posto al Pirellone?", Minetti risponde "Assolutamente si, perché sono una giovane con tanta voglia di fare". E ha anche tanta voglia di dire in trasmissione, rivelando il suo stipendio e le sue convinzioni: "Guadagno intorno agli 8 mila 500 euro e potrei vivere anche con la metà. L'ho fatto in passato e lo rifarei. Vado avanti con umiltà e porterò avanti tematiche sociali che interessano i cittadini come il latte materno e il volontariato".
Incalzata sull'argomento clou del momento, sulle sue dimissioni, Nicole Minetti argomenta: "Se Alfano mi chiedesse personalmente di dimettermi, se ne potrebbe parlare, però fino ad adesso le argomentazioni non sono state sufficienti. E poi perché dovrei dimettermi? Per delle critiche? Per delle bugie? Certo, se l'accanimento mettesse in difficoltà il mio partito, allora si, mi dimetterei". A una domanda sulla recente sfilata per un'azienda di intimo, Minetti risponde: "Siamo ancora di quell'opinione trita e ritrita che la professione della modella è sconveniente? Siamo attaccati all'idea che la modella non abbia un cervello e quindi non possa fare altro. Io sono stata molto onorata che una piccola azienda mi abbia scelto per fare da testimonial. Mi hanno pagata 5 mila euro lordi, ma non l'ho fatto per soldi. Vengo criticata per la mia professione nello spettacolo, per il lavoro nel consiglio regionale, ma cosa devo fare? Mi è stata offerta un'occasione e io sono stata onorata di poter sfilare". Non si fa cogliere impreparata neanche davanti alla provocazione del conduttore che le ricorda la famosa maglietta con la scritta "Senza t-shirt sono ancora meglio". Con aria di sfida, gli risponde: "Ma allora Vinci, lei è un bacchettone".

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.
Nicole Minetti
Nicole Minetti
Nicole Minetti
Nicole Minetti
Nicole Minetti
Nicole Minetti