Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

"Non esiste il rischio di fuga dell'imputato"

Niente carcere per Dell'Utri, la Corte dice no al Pg


Niente carcere per Dell'Utri, la Corte dice no al Pg
26/03/2013, 10:11

MILANO - La Corte di Appello ha negato al Procuratore generale la possibilità di un arresto preventivo per Marcello Dell'Utri, condannato ieri a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Nelle motivazioni della ordinanza, c'è scritto che il pericolo di fuga (che era il motivo per cui è stato chiesto l'arresto) non sussiste, dato il "comportamento dell'imputato che ha partecipato alle udienze dibattimentali e non ha mai voluto sottrarsi all'esecuzione della pena". 
Evidentemente non è stato motivo sufficiente a motivare il pericolo di fuga il fatto che Dell'Utri abbia notevoli risorse finanziare (ha incassato 10 milioni di euro da Berlusconi meno di un anno fa, oltre allo stipendio da parlamentare negli ultimi 20 anni e l'assegno di reinserimento, dovuto alla non rielezione, di altri 200 mila dollari)  e una villa a Santo Domingo, un Paese che non ha l'estradizione, 
Vedremo cosa succederà dopo la sentenza di Cassazione.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©