Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

I Pm fanno sapere che non daranno il loro assenso

Niente patteggiamento per i clienti delle baby-squillo


Niente patteggiamento per i clienti delle baby-squillo
01/04/2014, 17:08

ROMA - Ha dato fastidio il diffondersi della notizia che diversi clienti delle baby-prostitute di 14 e 15 anni dei Parioli se la potrebbero cavare con una multa. Infatti, avere rapporti sessuali a pagamento con una minorenne, se non c'è violenza, è un reato punito da 1 a 6 anni di reclusione. Ma i clienti possono chiedere un patteggiamento: così 1 anno di reclusione diventano 8 mesi per la concessione delle attenuanti generiche; e 8 mesi diventano 5 mesi e 10 giorni per il beneficio connesso alla scelta del patteggiamento. Inoltre esiste una legge che prevede, in caso di una condanna inferiore ai 6 mesi, di poter convertire la pena in una multa, al ritmo di 250 euro al giorno. Moltiplicando 160 giorni per 250 euro, abbiamo una multa di 40 mila euro, con cui scontare il reato. 

Ma la Procura di Roma ha precisato che non c'è nessuna richiesta per ora in questo senso. E che ogni eventuale futura richiesta verrà vagliata ed esaminata.

C'è da tener presente che, anche nel caso in cui il Pm desse parere negativo, gli imputati potrebbero chiedere il rito abbreviato, con cui chiedere l'assoluzione o la stessa pena del patteggiamento. E a quel punto la palla passerebbe nelle mani dei giudici. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©