Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

3 anni e 4 mesi, con 30 mila euro di multa non sufficienti

Niente patteggiamento per Jonella Ligresti: pena troppo bassa


Niente patteggiamento per Jonella Ligresti: pena troppo bassa
29/01/2014, 11:22

TORINO - Niente patteggiamento per Jonella Ligresti, accusata di falso in bilancio aggravato e manipolazione del mercato per lo scandalo Fonsai. L'ha deciso il Gip di Torino, Sandra Recchione, che ha respionto la proposta di patteggiamento a 3 anni e 4 mesi, con 30 mila euro di multa. Secondo il giudice, la pena è troppo bassa, rispetto ai reati di cui la donna è accusata. Inoltre le vengono concesse le attenuanti generiche, senza che ci sia alcun risarcimento nè altre motivazioni che spingano a concederle.

Infatti, secondo il capo di imputazione, la Ligresti, in qualità di presidente della Fonsai, è accusata di aver danneggiato 12 mila piccoli azionisti e di aver danneggiato la società di 200 milioni. Ma il legale ha detto che la Ligresti non ha i soldi per pagare alcun risarcimento, dato che tutti i suoi beni sono sotto sequestro.

La pena era stata decisa dai difensori semplicemente per non far finire la donna in prigione: 4 anni le sarebbero stati cancellati perchè li ha già scontati come arresti cautelari, mentre per i restanti tre anni si sarebbe chiesto l'affidamento ai servizi sociali. Sicchè, di fatto, non ci sarebbe stata nessuna sanzione per la donna.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©