Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L'episodio risale a lunedì, ancora frammentari i dati

Nigeria, ingegnere bergamasco rapito, chiesto 1 milione di dollari


Nigeria, ingegnere bergamasco rapito, chiesto 1 milione di dollari
08/04/2009, 22:04

Un cittadino italiano, del quale ancora non è stata resa nota l’identità, è stato rapito lunedì nella zona sud-orientale della Nigeria. Si tratta, come riferito dal quotidiano locale Vangurd, di un dipendente dell’azienda Marlum Construction. Il suo nome di battesimo è Joseph. Una conferma è arrivata dalla Farnesina, che si è limitata a dire che si tratta di un ingegnere italiano.
Si tratterebbe, sempre secondo quanto riferisce il quotidiano, di un rapimento a scopo estorsivo. Per il riscatto sarebbero infatti stati chiesti 150 milioni di naira, equivalenti a circa un milione di dollari Usa. Le testimonianze raccolte sul posto parlano di un rapimento mentre l’uomo stava andando al lavoro; l’automobile sulla quale stava viaggiando sarebbe stata bloccata da un commando di uomini armati, che hanno requisito la vettura e rinchiuso l’ingegnere nel portabagagli.

Subito si è attivata l’Unità di Crisi della Farnesina, su istruzioni del ministro Franco Frattini. Sono stati allacciati rapporti sia con i famigliari della vittima, sia con le autorità nigeriane. Il ministro ha inoltre invitato i media a mantenere il riserbo necessario sulla vicenda e a non diffondere notizie non verificate.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©