Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"No al taglio della Circumvesuviana": il 5 aprile concentramento a Napoli


'No al taglio della Circumvesuviana': il 5 aprile concentramento a Napoli
03/04/2012, 15:04

Napoli- L'appuntamento è per giovedì 5 aprile, alle 10.30 presso la stazione terminale di Porta Nolana. Dopo sottoscrizioni inviate ai responsabili della regione Campania, occupazione dei binari, appelli e contestazioni, i pendolari della Circumvesuviana hanno programmato un vero e proprio happening di protesta, con una connotazione spettacolare. Gli organizzatori hanno invitato i viaggiatori occasionali e tutti i cittadini sensibili alle sorti del trasporto pubblico a partecipare alla manifestazione di giovedì prossimo affinché la mobilitazione assuma un respiro più ampio. Nella speranza che lo sfacelo di quello che era, fino a qualche anno fa, il fiore all'occhiello dei collegamenti dalla provincia a Napoli, possa ritornare ai livelli di un tempo. E a questo appello stanno aderendo sindaci dei paesi vesuviani, che arriveranno con tanta di fascia e gonfaloni, rappresentanti di partiti di varie colorazioni, tutti insieme per sollecitare la risoluzione di questo disservizio che sta condizionando la vita dei pendolari.

"Siamo stanchi, ma sempre più motivati" racconta Enzo Ciniglio uno dei fruitori dei treni e parte attiva del gruppo di Facebook "No al taglio della Circumvesuviana" che attualmente conta 2.500 iscritti. Un vero e proprio punto di riferimento per chi ogni giorno è costretto a subire disagi da questo che è uno dei mezzi più usati dai pendolari. Un tam tam che fa sentire meno soli e disorganizzati.

"Siamo un gruppo apartitico" tiene a precisare Ciniglio "ma accettiamo volentieri chiunque tra sindaci, deputati, senatori, rappresentanti di partiti voglia essere con noi in questa civile e democratica battaglia, dove non si capisce come la Circumvesuviana sia potuta precipitare così in basso" e poi precisa "Studenti, lavoratori, turisti e tutti i fruitori di questo mezzo non possono certamente sostituire i treni con trasporti privati. Impossibile in questo momento storico dove la crisi economica ci sta travolgendo tutti in modo traumatico. Improponibile per questioni di inquinamento ambientale" ha riferito Ciniglio.

Nei giorni scorsi a chiedere un incontro sulla questione con il Prefetto di Napoli, Andrea De Martino, sono stati i senatori Raffaele Lauro e Nello Di Nardo, rispettivamente del Pdl e Italia dei valori. Ma anche i rappresentanti del Pd e di altre forze politiche si sono affiancati ai pendolari e hanno capito che la questione Circumvesuviana, se non verrà risolta, sarà paragonabile ad un'eruzione del Vesuvio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©