Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Luigi Casel: "Fiamme appiccate a danno del movimento stesso"

No Tav: incendi nella notte, nessun ferito

Ieri, flash mob in tutta Italia a sostegno di Luca Abbà

No Tav: incendi nella notte, nessun ferito
29/02/2012, 10:02

Dopo una giornata intensa, piena di manifestazioni No Tav, questa notte è trascorsa senza grossi incidenti. Gli attivisti del movimento continuano a bloccare l'autostrada A32 Torino-Bardonecchia all'altezza dello svincolo di Chianocco e un tratto della strada statale 25 del Moncenisio. Gli unici episodi di violenza nella notte sono avvenuti nelle vicinanze dei blocchi stradali. Tre incendi si sono sviluppati intorno alle ore 23. Una Panda verde parcheggiata su una strada parallela alla statale 25 ha cominciato a bruciare. Fiamme alte 2-3 metri hanno coinvolto altre due automobili vicine alla Panda e alcuni alberi di un bosco a poca distanza.
I manifestanti hanno chiamato i pompieri, che hanno messo in sicurezza la zona. Contemporaneamente si è incendiato un deposito di legname e il telone di un tir fermato dalla protesta a Bruzolo, paese vicino Chianocco. Il camionista era ancora a bordo, ma nessuno si è ferito. Anche in questo caso, le fiamme sono state domate dall'intervento dei vigili del fuoco. Uno dei leader No Tav, Luigi Casel ha spiegato che "gli incendi sono evidentemente stati appiccati ai danni del movimento stesso". I manifestanti hanno proseguito in serata le loro rimostranze con musica, danze e falò. Lo slogan scandito dai No Tav è quello che è riecheggiato in tutta Italia: "Luca! Luca!". In diverse città italiane è stato espresso il sostegno a uno dei leader storici del movimento No Tav, Luca Abbà, rimasto ferito lunedì mattina alla Maddalena di Chiomonte cadendo da un traliccio dell'alta tensione sul quale era salito per protestare contro l'ampliamento del cantiere della Tav. Blocchi stradali, irruzioni sui binari, presidi e cortei sono andati in scena durante tutta la giornata di ieri. La protesta dei No Tav è arrivata nelle città italiane attraverso flash mob e cortei in giro per le strade.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©