Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ieri flash mob in diverse località

No Tav: oggi appuntamento a Giaglione per una “polentata”


No Tav: oggi appuntamento a Giaglione per una “polentata”
04/03/2012, 09:03

BUSSOLENO (TO) - In Valle di Susa  notte trascorsa tranquilla.  Oggi attivisti e i simpatizzanti  del movimento No Tav si sono dati appuntamento a Giaglione (Torino) per una "polentata": un'iniziativa a sfondo gastronomico che promette di essere pacifica.
Nel pomeriggio dal paese di Giaglione comincerà una "passeggiata" - per usare la definizione dei No Tav - verso la vicina Valle Clarea, dove sorgono le recinzioni che delimitano l'area in cui è previsto lo scavo di un tunnel preparatorio della ferrovia ad alta velocità
Ieri, "il sesto giorno di mobilitazione permanente" ha assunto i  contorni di due flash mob (con obiettivo l'autostrada A32 del Frejus Torino-Bardonecchia) sospesi fra goliardia, politica, protesta sociale e rivolta contro l'apparato di polizia o, per usare le parole dei ribelli, 'le truppe di occupazione militare'.
Mentre nelle stesse ore, nel resto d'Italia, si moltiplicavano le azioni di sostegno e solidarietà dei simpatizzanti del movimento valsusino.  A Bussoleno, la cittadina della Bassa Valle in cui batte il cuore dei No Tav, quasi mille persone si sono raccolte per poi suddividersi in due gruppi. Il primo, in corteo, si è diretto a piedi verso la vicina Chianocco, dove ha occupato la rampa di accesso all'autostrada teatro dei violentissimi scontri di mercoledì scorso tra le forze dell'ordine e gli attivisti che avevano bloccato la carreggiata con le barricate: i manifestanti hanno rimosso pesanti 'betafence' collocati all'ingresso della carreggiata per scongiurare nuove intrusioni.
I componenti del secondo gruppo, sulle loro auto, hanno raggiunto il casello di Avigliana, dove hanno inscenato l'altra dimostrazione. Alcuni militanti, uno dei quali con il volto coperto da una maschera raffigurante la caricatura di Mario Monti, hanno alzato le barriere delle corsie verso Torino.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©