Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La giovane napoletana non si fida dei prof esaminatori

Noemi Letizia:"Temo i pregiudizi della commissione"


Noemi Letizia:'Temo i pregiudizi della commissione'
22/06/2010, 18:06

NAPOLI - La maturità tocca sostenerla proprio a tutti; persino ai super vip super talentuosi come Noemi Letizia. La giovane partenopea, infatti, dovrà affrontare l'esame di quinta classe (rigorosamente da privatista) e non nasconde alla stampa l'enorme timore di essere valutata in maniera ingiusta e prevenuta dai prof che comporranno la commissione d'esame. Perchè? Beh la risposta sembra scontata: lei è quella bellissima e fortunatissima ragazza di Casoria che ha avuto come ospite della sua festa di 18 anni l'amatissimo Silvio Berlusconi.
Facile intuire, dunque, che tra gli esaminatori si nasconda qualche docente comunista o comunque eversivo e rancoroso pronto a farle pagare quella sua invidiabile ed influente amicizia. E quindi, dopo aver imparato perfettamente l'ars della pre-giustifica dai migliori politici italiani, anche la giovane Noemi comincia bene con il primo esame cui la vita la costringe; mettendo le mani avanti e fasciandosi la testa ancor prima di rompersela. Se l'esame da privatista (notoriamente molto più semplice di quello sostenuto alla scuola pubblica) dovesse andar male, la colpa sarebbe infatti senza dubbio  attribuita alla  "prevenuta" commissione. Che dire: i ragazzi imparano proprio in fretta come essere furbi ma non preparati e costruiscono, fin da giovanissimi, la propria strada verso il mondo dello spettacolo o, ancor peggio, verso il Parlamento.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©