Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Noemi:"Non sono io la causa del divorzio Lario-Berlusconi"


Noemi:'Non sono io la causa del divorzio Lario-Berlusconi'
06/09/2009, 18:09

"Tutti possono vedere che non sono io la ragione del divorzio" tra Silvio Berlusconi e Veronica Lario. Noemi Letizia parla con la giornalista Daphne Barak del Daily Mail (l'intervista, pubblicata sul sito del giornale britannico, andrà in onda stasera anche su Sky Tg24) e rompe il silenzio sul suo rapporto con il presidente del Consiglio, dopo quattro mesi dalle dichiarazioni di Veronica Lario "sorpresa" per la partecipazione del marito alla festa per i 18 anni della ragazza a Casoria. "C'é un grande scandalo - racconta - ma la realtà è diversa. Io voglio correggere questa disinformazione. Come può una festa di 18 anni rovinare un matrimonio? E, se così fosse, che matrimonio sarebbe? Io non ho niente a che fare con questo. Quello che dice Veronica non mi tocca. Sono problemi della sua famiglia. Non posso esserne accusata io". "Conosco Silvio da quando mi ricordo. Quando mio padre lo vedeva, mi portava con sé. E' successo molte volte. Ma per me era una cosa normale", aggiunge. E dice di aver dato a Berlusconi il 'nomignolo' di 'papi' "perché era così dolce". La ragazza napoletana dice che, alla festa di Casoria fu suo padre ad invitare Berlusconi. "Per me - dice - fu una sorpresa, fu una sorpresa per tutti. Io davvero non ne sapevo niente".

"Conosco Silvio da quando ho ricordo", "per me era una cosa normale". Nella lunga intervista rilasciata al Daily Mail, Noemi Letizia spiega l'origine dell'amicizia con il presidente del Consiglio e anche da dove è nato il soprannome 'papi'. Al quotidiano che si chiede "come mai il padre Benedetto - un piccolo commerciante di Portici, un'oscura città vicino Napoli, con piccole proprietà - era diventato un amico di lunga data del ricco Berlusconi", sottolineando come "per molti l'origine della loro conoscenza sia ancora poco chiara", Noemi risponde di conoscere il premier da sempre perché il padre la portava con sé "quando andava a trovare Silvio". "Non è che Silvio fosse una persona straordinaria per me". "Infatti, quando ero piccola - prosegue - gli ho dato il nomignolo che tutti conoscono ora. Perché io sono una persona dolce, mi piace dare nomignoli alle persone che amo. E così ne ho dato uno a Silvio, perché è dolce. Era per dimostrargli affetto".

Commenti "antipatici" e "insensati". Così, in una lunga intervista al Daily Mail, Noemi Letizia definisce le parole di Barbara Berlusconi, una delle figlie del premier e di Veronica Lario, che in una intervista a Vanity Fair si era detta "stupita" dal caso Noemi e che lei non aveva mai frequentato "uomini anziani". "Avrebbe dovuto capire che non c'é bisogno di dire quelle cose di una ragazza giovane - ribatte Noemi - lei è un'adulta. E' una madre. Ma sono sicura che è una brava persona".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©