Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Noi Amiamo Napoli. Imprenditori locali ed ecologisti fanno girare la città in bicicletta a 100 olandesi


Noi Amiamo Napoli. Imprenditori locali ed ecologisti fanno girare la città in bicicletta a 100 olandesi
12/04/2013, 17:09

Noi amiamo Napoli. E' con questo slogan che stamattina a P.zza Trieste e Trento lato P.zzo Reale un gruppo di imprenditori napoletani capitanati dall' agenzia Concerto ,una azienda impegnata nella realizzazione di eventi aggregativi a basso impatto ambientale, Schiano la più importante impresa che realizza biciclette nel sud Italia ed il Caffè Gambrinus hanno lanciato una sfida a favore della città.
Hanno infatti portato in città 100 cittadini olandesi che hanno avuto la possibilità di girare la città in bicicletta accompagnati da quattro guide in lingua olandese.  Il gruppo è partito da Piazza del Plebiscito in direzione del lungomare e Posillipo.
"Il progetto prevede di  trasformare migliaia di stranieri in validi testimonial e ambascitori di Napoli all' estero - spiegano Sergio Moscati di Concerto e Mario Schiano dell' omonima azienda che ha fornito le bici - per garantire alla nostra città un’ immagine diversa rispetto a quella diffusa dai media internazionali negli ultimi anni e attrarre nuovi investitori e turisti. Uno sforzo straordinario anche a favore della mobilità sostenibile che si può realizzare soprattutto grazie alla realizzazione delle piste ciclabili. I turisti olandesi sono rimasti estasiati dalla nostra città e dell' accoglienza".
Alla partenza i ciclisti hanno trovato anche anche Antonio Sergio e Massimiliano Rosati del Caffè Gambrinus che hanno offerto caffè napoletani di accoglienza a tutti.
"Siamo entusiasti di questo progetto - spiega il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli - che sosteniamo con tutte le nostre forze. Napoli è una città ospitale e di persone perbene non di selvaggi violenti che ogni tanto si vedono sui mass media. Vogliamo dare una nuova immagine internazionale positiva della città e per farlo dobbiamo partire dal passaparola degli stranieri. Il passaparola sulla rete e di persona è ancora un' arma straordinaria per diffondere un messaggio. Tra l' altro stamane abbiamo potuto verificare anche la nuva segnaletica realizzata per terra in occasione della Coppa America. L' unico episodio spiacevole è stato il continuo passaggio di macchine e scooter che in ogni momento entravano e uscivano dal P.zzo Reale oramai più trafficato della stessa P.zza Trieste e Trento e che infastidivano i turisti ed i passanti".
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©