Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nola, arrestatato per falsa sttestazione di identità


Nola, arrestatato per falsa sttestazione di identità
05/03/2010, 10:03

Palma Campania – Ieri mattina, gli agenti del Commissariato P.S. Nola, hanno arrestato Nunzio Gragnaniello, 51enne di Carbonara di Nola, per falsa attestazione ad un pubblico ufficiale sulla propria identità, contraffazione del sigillo dello Stato, utilizzo del Sigillo dello Stato contraffatto ed in concorso con altra persona, denunciata in stato di libertà, favoreggiamento alla permanenza sul territorio dello Stato di un cittadino extracomunitario clandestino.
 
I fatti si sono svolti in Via Nola, dove i poliziotti nel corso di un controllo hanno fermato Gragnaniello allo scopo di verificarne l’identità. L’uomo che si trovava in quel momento in compagnia di alcuni italiani ed un cittadino marocchino, ha esibito una carta d’identità che a prima vista è subito apparsa agli agenti come contraffatta.  A seguito delle contestazioni dei poliziotti, l’uomo ha per tutta risposta esibito un’altra carta d’identità. Nel primo documento il cognome era Gragnaniello Pollice, nel secondo era invece solo Gragnaniello ma il numero seriale non cambiava.
 
Gli agenti hanno pertanto arrestato Gragnaniello che è stato subito condotto in Commissariato insieme alle altre persone a lui vicine al momento del controllo di polizia. Tra questi vi era anche il cittadino marocchino che ha deciso di denunciare Gragnaniello in quanto gli aveva consegnato circa 3.800 euro in cambio della promessa di interessamento per l’ottenimento di un Permesso di Soggiorno.
 
Lo straniero, una volta identificato, è risultato essere destinatario di un provvedimento di espulsione non ancora scaduto, ma essendo parte lesa nel procedimento contro Gragnaniello, non verrà accompagnato alla frontiera per il definitivo allontanamento dal territorio dello Stato italiano.
L’arrestato è stato invece immediatamente condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale a disposizione della Procura della Repubblica di Nola.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©